Ernia L5S1: un’estate con lei

Sono mesi che non scrivo, che non mi siedo al pc in casa se non per lo stretto necessario (lavorartivo). Specifico meglio: sono mesi che non mi siedo, in generale.

ernia3Era marzo quando ebbi la prima vera crisi da ernia. Era però da ottobre che soffrivo di mal di schiena. Per farla breve, però, è da marzo che sono entrata in un tunnel senza uscita di cui non conoscevo nemmeno l’esistenza.

Come tutte le malattie, finché non ci toccano… non ci riguardano o, al massimo, ci sfiorano appena. E giustamente direi.

Ma stavolta è toccato a me. I dolori più lancinanti riguardavano il nervo sciatico, ossia tutta la gamba a partire dal gluteo. Dolori incessanti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Dolori che è difficile descrivere o fare capire.

Il divano non lo vedo letteralmente da questa primavera, perché quando ero ancora ingenua e non sapevo di questa ernia, se capitava di passarci sopra 10 minuti, poi non camminavo più. LETTERALMENTE.

Questa sedia, su cui ora sono seduta (coraggiosamente) ma che lascerò non appena finisco il post, non la toccavo da giugno. A luglio ci feci qualche capatina, giusto il tempo di stampare le lezioni di italiano che, mio malgrado, sono proseguite per tutto quel mese (caldo e bastardo).

ernia-del-discoNon sto a spiegarvi che cosa è un’ernia discale o, in particolare, quella L5S1, c’è tutto online (per esempio qui). Vi dico solo che è la più diffusa, che ne soffrono – pare – un italiano su 4.

Certo, c’è il mal di schiena, che tutti conosciamo. Ma poi c’è questa bestia immonda, che colpisce a tradimento, e che non ti lascia più.

Ora riesco a sedermi perché sono sotto cortisone da 10 giorni. E chissà come andrà quando finisco la cura. Si prega tanto quando si ha un’ernia e, di contro, si bestemmia altrettanto 😀 

imagesTante cure, tante visite, tante medicine, tanti, tantissimi soldi spesi per niente alla fine. Perché pur essendo una patologia comunissima, la medicina pare vagare nel vuoto. Ognuno ha il proprio caso, la propria ernia: c’è chi guarisce con osteopata, chi con infiltrazioni di cortisone, chi con ozonoterapia, chi con intervento ecc. ecc. Ma i medici non lo sanno, semplicemente, qual è la cosa giusta per te. Ti dicono: “Prova!”. E grazie al cespolo…

Insomma, mi sono ritrovata sola con questa ernia, in pratica. A gestire un dolore invalidante che mi ha fatto sentire come un 90enne. Direi anche peggio, considerato quanto sono in gamba oggi alcuni 90enni. Non esistono viaggi in macchina senza dolore, non esiste colazione seduta senza dolore (infatti ora la faccio rigorosamente in piedi), non esiste rilassarsi a vedere un film sul

 

divano e nemmeno a letto (a meno che non trovi una posizione con 1252 cuscini in posizione tattica), non esiste uscire a cena, non esiste più nulla, a meno che non si accetti di stare male e di non camminare.

Una vita a metà. 

E così sono passate queste vacanze. Vacanze nere, non solo per l’ernia, ma questo è un altro capitolo… E ora, tra qualche giorno, si riprende a lavorare. E che gli dei ce la mandino buona.

images (1)

Una cosa positiva però questa stronza di ernia me l’ha insegnata: mai più stare ferma senza fare sport. Ora sono obbligata a fare nuoto, camminare e fare fisioterapia. Ogni giorno. E non ci sono santi che tengono: lo farò a qualsiasi costo. Perché un dolore così invalidante non lo auguro a nessuno e prego sui ceci che non mi ritorni mai così acuto.

Ora scappo, la sciatica mi pulsa 😀

 

 

Annunci

13 pensieri riguardo “Ernia L5S1: un’estate con lei

  1. Mi dispiace tantissimo! Io ho avuto la sciatica più di una volta, roba da non riuscire a stare dritta e non oso immaginare quanto dolore tu stia provando. Ti auguro di trovare la cura o il rimedio adatto a te.

    1. Eh infatti, quella rimane lì. Per ora provo con il movimento attivo… più agopuntura. Ma si può vivere nel terrore?? Mah. Tu da cosa hai tratto maggior giovamento? Osteopata?

  2. Anch’io ho da mesi una lieve lombo-sciatalgia, penso dovuta a semplici problemi posturali, sedentarietà……
    Dovrei farmi vedere. Insomma: decidermi a dare il via all’iter, entrare nel tunnel del sistema sanitario nazionale.

    1. Ma No!!! La lieve lombo- sciatalgia la puoi benissimo trattare con ginnastica posturale o semplice nuoto. Lasciamo il Ssn a quando i problemi diventano ingestibile. Ma nel frattempo non trascurarti! A questo stadio non è importante sapere a cosa è dovuto il male di schiena, l’importante è agire per farlo passare 😊 l’ernia, quando è invalidante come la mia, non lascia scampo…

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...