L’inconscio lo sa. Di sogni, amicizie e anime.

Adoro l’inconscio. Non so come fa ma lui ci riesce. Riesce a farmi terrorizzare quando voglio fare finta di niente, riesce a distrarmi quando mi fisso su un’idea, riesce anche a distogliermi da un’attesa inutile come quella per un colloquio, riesce a farmi provare amore e tenerezza quando sono un fascio di nervi.

Katerina_Plotnikova_3-600x449Come fa? Nei sogni. Quindi basta dormire e lui agisce. Sembra subdolo, ma è limpido e neutrale. Naturale. lo psicofarmaco più bio ed ecobio che esista.

Niente è più geniale dell’inconscio, ma mica il mio, dico in generale. Peccato che parla cinese antico in un mondo (quello delle persone individuali) dove tutti parlano l’inglese più economico che ci sia.

In pratica, non lo capiamo. A volte non ci accorgiamo nemmeno che esiste, come quelli che dicono: «Io non ricordo mai i sogni che faccio». Santo cielo, cosa ti perdi. Eppure è lì, il divino.

Così capita che ti fa rincontrare persone dimenticate da anni, te le mette lì, a portata di mano, di sguardo, di bacio, di parola, di comunicazione. Ed è tutto così maledettamente reale che poi, al mattino, ti svegli molto diversa da come ti sei addormentata.

Quando incontro mia nonna, di notte, non è un ricordo, non è mia nonna, non è nemmeno un sogno. È qualcosa di più. E mi sveglio con i suoi saggi consigli che rimbombano nella testa.

Surreal-Photography-by-Christopher-J-1Quando torno al liceo, ai suoi tempi adolescenziali oscuri, alle sui ansie, ai compagni idioti… Mi sveglio sollevata, incazzata e determinata. C’è poi il tempo delle elementari, dove torno amica-del-cuore di persone che, oggi, a malapena saluto; e ogni volta che le incontro rivedo in loro le avventure notturne che solo io conosco. C’è anche il tempo dell’università, quando mi mancano sempre due esami per laurearmi; inutile spiegare il sollievo della mattina.

E poi ci sono i sogni, come quello di stanotte, dove incontro lui, per la prima volta in versione onirica, un amico che non vedo da anni, un amico che è stato speciale perché misterioso, adombrato eppure così presente. Un’amicizia fatta di comunicazione muta, di parole a fiume sul tutto ma mai sul noi, un rapporto che era fatto di incontri di anime, attraverso gli occhi. Era come se fossimo stati uniti, ma in un’altra vita, in questa non era il tempo. Insomma, un amico particolare.

Stanotte ti ho rivisto, caro mio, e non mi scappi. Ti ho cercato sul web, ti ho trovato, ho visto i tuoi figli (o figlio?) e ho ritrovato le tue inquietudini ma anche il tuo sorriso. Quello stesso sorriso che mi hai regalato, a tua insaputa, stanotte in uno dei sogni più teneri, veri, confortanti che abbia mai avuto.

E ringrazio il mio inconscio, malandrino, che mi ha rimesso a posto con me stessa e mi ha fatto ritrovare uno dei tesori più preziosi che abbia mai avuto. Perché chi ti legge nell’anima, anche se resta in silenzio, semina qualcosa di invisibile dentro di te e, un giorno, tu sola ne raccoglierai i frutti, infinitamente grata.

257960

ps: ciao amico, grazie, e chissà che un giorno tu non ti ritrovi in queste righe, che tanto non conta parlarsi addosso. 

Advertisements

9 pensieri riguardo “L’inconscio lo sa. Di sogni, amicizie e anime.

  1. L’inconscio ne sa sempre più della nostra parte razionale… e i sogni… mi piace pensare che i sogni arrivino per prepararti al futuro, alla giornata che sta per iniziare. Ti mostrano delle risposte, delle strade o ti mettono in comunicazione anche con persone lontane…
    Ma in realtà è un argomento così affascinante, vasto e complesso che mi sembra sempre difficile affrontarlo.

    Belle, le tue parole.

  2. Io sono uno di quelli che non sogna più o forse non ricordo di aver sognato.
    Un po’ mi manca, ma un po’ preferisco così: i sogni mi agitano, più che divertirmi.
    Idem da giovanissimo: facevo molti più sogni e quindi ,nel gran numero, molti erano piacevoli… ma a conti fatti erano comunque una minoranza.
    La maggior parte fanno affiorare ansie e paure, oppure sono sogni belli ma ci si resta male quando ci si sveglia.

    Ultimamente i pochi sogni che faccio (o che ricordo) sono erotici con donne che conosco (la maggior parte sono baci e preliminari, pochi quelli hard), oppure qualche volta mi capita di sognare che mia moglie fa la cretina con un altro.
    Anche a lei capita di sognare che io la tradisco, ma alla mattina si incazza con me davvero! 😀
    Riguardo quelli erotici, una curiosità: quasi sempre sogno donne che in realtà non trovo poi così attraenti, mentre conosco donne molto più belle e sexy, ma quelle non le sogno quasi mai. Boh…

  3. Bello Bia, bellissimo. Concordo in pieno. Spesso i sogni e l’inconscio di cui sono prodotto, la libertà della nostra mente quando abbassiamo le difese, ci portano proprio dove abbiamo bisogno di essere.

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...