Autunno: 10 motivi per fare una bella passeggiata!

Non importa dove, non importa con chi, non importa in che momento della giornata. Fatelo. Passeggiare in autunno è una di quelle poche attività che riescono ad azzerare lo stress di una settimana o di una giornata, consentendovi di concentrarvi solo su voi stessi.

Ci pensavo proprio sabato scorso, quando ci siamo persi su una collina del piacentino, dove sembra di stare nel profondo nulla, ma invece siamo a una sola oretta dalla frenetica Milano. I colori, il silenzio, la natura che in questo periodo sembra danzare, le persone colte nell’intimità di un pigro pomeriggio…

Perché è stata così rigenerante una semplice passeggiata in autunno?

1. Per prima cosa, provate a stare almeno un’ora in silenzio, da soli con voi stessi, in mezzo alla natura (bosco, pianura, parco in città, qualsiasi cosa): se ci riuscite, significa che avete spurgato tutto l’inquinamento mentale della settimana. Forse nei primi 10 minuti sarete tentati dal cellulare, da Facebook, da mille altre cose da fare: resistete, spegnete il cellulare e state fermi.

2. Guardare i colori che lentamente, lentissimamente, cambiano, passando dal verde più intenso al giallo, al marrone, al rosso e persino al viola. Riuscite a cogliere le migliaia di sfumature che l’autunno ci regala? Provate e vi scoprirete a sorridere e a voler fotografare ogni centimetro di terra.

3. Il cielo, questo sconosciuto, che per la maggior parte del tempo è coperto da tetti e palazzi, può rivelarvi il suo lato più nascosto, quello che oscilla tra il grigio e il blu: non c’è sole che scalda troppo, non ci sono picchi di calore, non c’è niente da nascondere, il cielo ci abbraccia, anche con le sue nuvole. Se poi queste stesse nuvole aspettano il tramonto con voi, non c’è quadro che tenga: dovunque siate, sarà il tramonto più intenso della vostra vita.

4. Il vento. La brezza. Il brivido. Volete coprirvi, vi stringete nella giacca. Ebbene, non siete voi, è il vento che vuole abbracciarvi e lo fa tramite le vostre braccia. Stringete forte!

5. Il silenzio. Se riuscite a trovare un luogo poco bazzicato da persone indiscrete, riuscirete a sentirlo. Sì, perché il silenzio non è l’assenza di rumori. È silenzio, e si sente, si ascolta. È proprio il silenzio che porta i vostri sensi su un altro livello, quello dei rumori e dei colori che, di solito, non percepiamo.

6. Ci siete voi, con i vostri pensieri. Almeno per un’ora, non leggete nemmeno. Restate soli con la migliore compagnia che mai potreste avere: voi stessi. È difficile, se siete bravi, riuscire ad avere pensieri negativi. Anche le preoccupazioni peggiori trovano positività. Certo, nulla si risolve restando fermi nel verde, direte voi. Ma non si deve risolvere nulla: si deve solo cambiare prospettiva. E lo farete.

7. Se siete in grado di farlo, meditate. Io non sono capace, quindi mi sono limitata a respirare, ad ascoltare il respiro e ad annegare gli occhi verso l’infinito che avevo davanti. Da commuoversi!

8. Giocate. Non dimenticatevi mai di giocare, di immaginare, di sognare, di creare un mondo solo vostro, come quando eravate bambini. A me viene facile, adoro giocare. A un tratto i formichieri sono diventati palazzi di città satellite, il calabrone è diventato il postino, il tronco d’albero è diventato il trono di un fauno, il piccolo bosco si è trasformato nel tempio segreto delle fate e delle streghe buone. Uh… che viaggio, altro che Fantàsia 🙂

9. Progettate. Non si tratta di sognare e basta, si tratta di pensare in concreto a ciò che potrà rendere la vostra vita migliore. Niente è impossibile, se restate con i piedi ben piantati nel terreno umidiccio e circondato da foglie colorate. Progettate, create la vostra nuova realtà più bella, un piccolo mattone alla volta.

10. Camminate come se le vostre gambe non sentissero stanchezza. Inoltratevi in sentieri sconosciuti, andate avanti anche se non sapete dove state andando. Camminate e guardatevi intorno, tra castagne, funghi e foglie. Continuate a farlo, perché non è una semplice passeggiata, è un vero e proprio percorso interiore, alla ricerca di quelle isole protette che solo voi potete raggiungere.

Advertisements

14 pensieri riguardo “Autunno: 10 motivi per fare una bella passeggiata!

  1. Per i miei gusti, uno dei tuoi migliori post fin’ora.
    Ti consiglio anche l’Oltrepo pavese: in autostrada veloce fino a Casei Gerola, poi fai l’ultimo sforzo di per attraversare le strade attorno a Voghera e ti infili sulle colline più meno in zona Rivanazzano, imboccando poi le stradine più secondarie possibili in direzione “sud-est” senza aver ben chiaro dove stai andando.
    In moto è una favola. In macchina probabilmente un po’ meno,

    1. 😀 Funziona anche a te? Io non posso farne a meno, soprattutto quando ci sono giornate (come questa) in cui si accumulano pensieri, tensioni, preoccupazioni… Ora proprio ora mi ci vorrebbe una mega camminata nel bosco!

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...