Parola del giorno: “Modestia”

Viene definita come virtù e così mi è stata insegnata, circa 30 anni fa, a scuola. Mi ricordo che spesso veniva chiesto a noi bimbi di descriverci o di descrivere i compagni e la “modestia” compariva sempre. È una delle parole che, all’epoca, sentivo molto mia. Forse perché peccavo di vanità 😉

keep-calm-and-keep-modestyA volte la modestia va a braccetto con una certa mancanza di consapevolezza o, forse, di obiettività nel giudizio. A volte questo atteggiamento può evolversi, altre può involversi, diventando incapacità di interpretare la realtà. Un po’ patologico, a mio modo di vedere.

Quello che è certo è che la modestia, oggi, equivale al silenzio, all’invisibilità, alla mancanza di riconoscimento. È la modestia che si è trasformata in mediocrità o siamo noi?

Viviamo in un mondo dove il “social” ha molto più peso del reale e se non sei social tendi a scomparire. Non solo nel mondo virtuale. Esibire le proprie buone qualità, la propria bravura, le proprie imprese diventa quasi un modo di essere. Un modo di esistere. Se non lo fai, non esisti.

Per non parlare di chi sa bene come esibire le proprie carte quando cerca un lavoro (… ma questo è un capitolo a parte e io di sicuro non ne faccio parte!).

Il “like” (virtuale e non virtuale) è la misura di quanto valiamo, o così si può essere portati a credere. È un circolo vizioso, quindi: voglio piacere per piacermi di più. Un meraviglioso inganno della coscienza.

È sempre stato così, per alcuni – i più esibizionisti –, ma forse oggi questo aspetto si è così diffuso che è diventato parte di noi. Ci cerchiamo su Facebook, per esempio, come se in quella vetrina potessimo trovare la vera natura di ciascuno e, in qualche modo, conoscerla. È come vedere Las Vegas e pensare che sia il centro del mondo con la sua Venezia, la sua Roma e la sua Tour Eiffel.

Ammiro e stimo molto chi riesce a non cedere all’inganno e, nel suo piccolo mondo riservato, porta avanti battaglie, vite, lotte, sorrisi che hanno un valore inestimabile anche se non riconosciuto dai più o, forse, non riconosciuto affatto. È come se queste persone vivessero in un mondo parallelo al nostro, ma che, in qualche modo, è a un livello superiore. Perché sanno di non essere scarsi o mediocri e, questo, gli basta.

 

**************************************************************************

Dai dizionari di Repubblica.it

MODESTIA: 1. Virtù di chi non si vanta dei propri meriti e si sottrae volentieri alle lodi: dichiarò con m. che non meritava tanto onoreparla delle sue opere con estrema m. 2. Senso di misura, di sobrietà, di riservatezza, che si manifesta negli atti, nelle parole, nello stile di vita: agire, parlare, vestire con m. 3. Mancanza di lusso, semplicità, frugalità: casa arredata con m.|| estens. Scarsità, mediocrità: la m. dello stipendio, delle pretese, di un impiegom. d’ingegno, di preparazione, di capacità

Annunci

15 pensieri riguardo “Parola del giorno: “Modestia”

  1. Io la modestia l’ho imparata frequentando i “grandi” della materia; erano le cosiddette “esperienze di vita” in grado di ribaltare la visione della vita privata e professionale di ognuno. Non c’è più idea del “merito”, del valore di un Valore.
    Io coi miei figli sono riuscito a fare “bene” ma non è stato facile.
    Grazie a tutti.

  2. E quanto è difficile ormai spiegare ad un adolescente che ‘esporsi’ o ‘metterci la faccia’ non significa pubblicare un selfie mentre si fa la doccia…(che è difficile lo capisco:) ma non è lì…il punto…;). Bella riflessione grazie!

    1. Ahahah! Credo sia difficilissimo in effetti… Essere adolescenti e avere Facebook tra le mani mi fa pensare a una bomba atomica, a me… che nella mia adolescenza non avevo nemmeno i cellulari e per chiamare a casa di qualcuno si passava sempre dallo “scoglio genitori” 😀 😀

  3. I social alimentano il narcisismo. Le qualità di una persona si pesano sempre allo stesso modo, nei social e nella realtà, ma molti non lo capiscono. Anzi, i social sono più ingannevoli, perché non ci mettiamo la faccia.
    Ciò che dico non è da confondersi con il mettersi a nudo che talvolta facciamo (più spesso nei blog).

  4. Parole che sotto scrivo, una ad una.
    Che bello passare di qui! Vengo sempre sapendo che me ne andrò meno sola in certi pensieri. Grazie anche per questo.

  5. …è un esercizio che bisogna svolgere ogni giorno.
    non è semplice, ma alla lunga è un atteggiamento che paga!
    buona giornata, Sara

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...