Henné nero (indigo) di Patrizio Breseghello

Torno a parlare di Hennè, la coccola che mi concedo per colorare i miei poveri capelli fini e sottili, l’unico trattamento che riesce a donarmi corpo e luminosità, riflessi e salute. Non smetterò mai di consigliare le polveri naturali come coloranti per i capelli, anche per coprire i capelli grigi o bianchi: fanno bene e rinforzano sul serio, senza danneggiare come fanno le tinte chimiche.

Oggi vi parlo dell’indigo di Patrizio Breseghello: ho trovato questo henné in una farmacia, per caso, e l’ho pagato circa 6 euro per 100 grammi di prodotto. Sul sito e sulla confezione si dice che ovviamente è un prodotto al 100% naturale, senza additivi. (L’azienda tratta numerose erbe, tisane, infusi ecc. e sembra basarsi proprio sulla ricerca massima della qualità. Hanno un sacco di prodotti, soprattutto non cosmetici).

CAM00572La polvere di indigo di Patrizio Breseghello è ottima, ovviamente pura, finissima e si amalgama bene con l’acqua dando origine a una pasta colorante densa e compatta, che non cola. Il colore è un bel verde (come dovrebbe essere) e si ossida esattamente dopo pochi minuti, lasciandolo all’aria.

Quando vi risciacquate via l’hennè noterete un bel colore blu intenso nell’acqua, ottimo! 🙂
Colora perfettamente, lascia i capelli morbidissimi e non ho bisogno di alcun balsamo per settimane. Aiuta anche a renderli più lisci (ma io non ne ho bisogno, ahimè). Il colore dura parecchio, per essere una polvere naturale. Direi che equivale al mio adorato Khadi.

Come vi ho già parlato in vari post, solitamente mescolo indigo (comunemente chiamato henné nero), lawsonia (henné rosso) e cassia (henné neutro che non colora). In tal modo riesco a ottenere, calibrando le dosi, un colore che va dal bruno scuro al cioccolato ricco di riflessi.

Voto Henné nero (indigo) di Patrizio Breseghello: 9

Non metto un bel 10 perché il prezzo, ragazzi, è davvero un’esagerazione. So che nei negozi più meno si viaggia su queste cifre, ed è per questo che mi sono data agli acquisti online… a presto su questo blog ve li presento. Vi dico solo un nome: Aroma-Zone 😀

– Per inciso, sto definitivamente abbandonando le polveri della Forsan, di cui vi avevo parlato qui: oltre a non aver migliorato la loro composizione (soprattutto per quanto riguarda l’indigo “arricchito” di solfato ferroso), hanno aumentato a dismisura il prezzo. Capite bene che il gioco non vale più la candela. Adios! –

****************************************************************************************************************************************

LA MIA PREPARAZIONE DELLA POLVERE DI HENNÈ + INDIGO (+ CASSIA)

L’ho usato sia da solo sia mescolato agli altri henné (di altra marca). Il colore di partenza dei miei capelli è un castano scuro, ho i capelli sotto le orecchie e a me basta di norma circa un etto o poco meno. Regolatevi secondo le vostre lunghezze.

Preparo le polveri in una ciotola di plastica, unisco l’acqua molto calda (direttamente dal rubinetto) gradatamente, poco a poco, e mescolo continuamente finchè non ottengo la consistenza desiderata (né troppo solida, difficile da spalmare, né troppo liquida, che colerebbe all’istante).

Per ottenere un bruno scuro-nero: 4/5 di indigo e 1/5 di cassia
Per ottenere un castano scuro: 3/5 di indigo, 1/5 di lawsonia, 1/5 di cassia
Per ottenere un cioccolato con molti riflessi: 2/5 indigo, 2/5 lawsonia, 1/5 cassia

Potete ovviamente variare le dosi a vostro piacimento, secondo il colore di base che avete e secondo i vostri desideri sul colore da ottenere: sperimentate! Io aggiungo sempre la cassia per rinforzare il capello, ma potete eliminarla.
Analogamente potete aggiungere ciò che vi piace: olio (argan, macadamia, semi di lino), al posto dell’acqua, aceto o bicarbonato (il primo per la lawsonia, il secondo per l’indigo, nel caso faceste due colorazioni distinte, per equilibrare il ph del composto, ma per approfondimenti vi rimando al forum Capelli di fata o, se masticate un po’ di francese, alla pagina dedicata sul sito di Aroma-Zone)

Distribuisco la pasta/crema con le mani o aiutandomi con un pennello da tinta, sempre in plastica. Lo lascio in posa, coperto da fogli di alluminio, per circa 3-4 ore: ho aumentato il tempo di posa per migliorare la resa e devo dire che la differenza si vede!

**********************************************************************************************************************************

Potrebbero interessarvi anche:

I miei bio-shampoo: Lavera Tè verde e Arancia
I miei bio-shampoo da supermercato
I miei bio-shampoo da supermercato (2)
Khadi tinta naturale Nero

Verdeluna Cosmetics: bio-shampoo e bio-creme
bio-creme viso da supermercato

Annunci

3 pensieri riguardo “Henné nero (indigo) di Patrizio Breseghello

  1. Io l’ho acquistato un mesetto fa e l’ho trovato sabbioso e inefficace. Non copre i capelli bianchi e non dà riflessi. Oltre tutto il prezzo (5.50 euro) non vale proprio il prodotto.

  2. Bellissimi questi discorsi femminili sui cosmetici.
    Anni fa conoscevo un uomo di quelli tagliati giù col coltello (anzi con l’acetta!) e si lavava i capelli con il detersivo per i piatti. Indubbiamente sgrassava.
    Io ,affascinato da quel toro di uomo “che non doveva chiedere mai”, una volta provai………ma quanto balsamo dovetti usare poi per districare quel…quel… quella “lana di roccia” che mi si era formata al posto della chioma! 😀

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...