Trasgressione 2.0

La verità è che per stare bene non devi mangiare carne, nemmeno quella di pollo.
La verità è che per stare bene non devi bere latte, nemmeno quello senza lattosio.
La verità è che per stare bene non devi fumare, nemmeno la sigaretta elettronica.
La verità è che per stare in salute non devi bere caffè, nemmeno quello decaffeinato.
La verità è che per stare bene non devi mangiare da Mc Donald’s, nemmeno da Burger King.
La verità è che per stare bene non devi pensare negativo, nemmeno quando la vita è una m…
La verità è che per stare bene non devi stare tutto il giorno alla tv, nemmeno quando fuori piove e hai la febbre.
La verità è che non devi essere gay, anche se lo sei.
La verità è che per stare bene non devi rincorrere l’uomo sbagliato, nemmeno se è divertente da morire.
La verità è che per stare bene non devi fare un lavoro che non ti piace, nemmeno se hai un mutuo da pagare.
La verità è che per stare bene non devi fare tardi la notte, nemmeno se hai 20 anni.
La verità è che per stare bene non devi fare sesso occasionale, nemmeno se è protetto.
La verità è che per stare bene non devi seguire una religione, nemmeno se è l’unica cosa che ti è rimasta.
La verità è che non devi essere di destra o di sinistra, nemmeno se ci credi.
La verità è che non devi compiacerti di te stesso, nemmeno se sei felice.
La verità è che per essere felice devi scendere a compromessi coi tuoi sogni, anche se sono meravigliosi.
La verità è che per stare in forma devi fare sport, anche se ti fa schifo.
La verità è che per non cadere in depressione devi comprare questo o quel libro, anche se ti sembra una ciofeca.
La verità è che non sei bella, anche se tua madre dice il contrario.
La verità è che per essere considerata devi seguire la moda, anche se fa cagare.
La verità è che trasgredire è da deboli, anche se sembra il contrario.

… CREDICI!

keep-calm-and-break-the-rules-64

Advertisements

6 pensieri riguardo “Trasgressione 2.0

  1. Penso che tutte queste regole siano dettate dalla passione umana per la creazione di regole e formule universali che possano comporre un “manuale per la vita”.
    Ma in fondo è un gioco, se non addirittura una trappola creata dall’invidia di chi ,non riusciendo/potendo godere, vorrebbe far smettere anche gli altri.
    Prendere troppo sul serio queste regole significa procurarsi una depressione. E non è un modo di dire: il sentirsi ingabbiati nella vita desiderata dagli altri per noi, il non voler mai deludere le aspettative degli altri, sono tra le principali cause di crisi che portano a rivolgersi a uno psicologo.

    Io semplicemente… me ne fotto (sempre senza intaccare la libertà degli altri!).
    Ma attenzione: per farlo bisogna essere preparati a incassare le critiche di parenti e conoscenti. Non è facile FARLO: bisogna ESSERLO.
    Io così ci sono nato, non l’ho scelto io e ormai c’ho fatto il callo, ma soprattutto da bambino questi stronzi riescono a farti sentire sbagliato, disobbediente, diverso, coglione, maleducato, ecc.
    Sai i parenti come ci sguazzano?
    Poi in seguito leggi che le persone ,per evadere e scaricare la tensione, si immergono nella natura, vanno a meditare, cercano la solitudine, fanno il downshifting, vanno dallo psicologo che consiglia di non curarsi troppo del giudizio degli altri, prima di morire dichiarano di avere come maggiore rimpianto l’aver vissuto la vita secondo le aspettative degli altri anzichè secondo le proprie inclinazioni (fonte: http://www.lastampa.it/2012/02/11/blogs/oxford-street/i-cinque-rimpianti-piu-grandi-di-chi-sta-per-morire-pLpUJzONdtN6VhYXVy8dZM/pagina.html ).
    Ma come???? Ma quando lo facevo io mi davate del coglione!!!!!
    Andavo nei boschi da solo e mi davate il soprannome “eremita”, esprimevo pensieri che combaciano con ciò che oggi viene chiamato “downshifting” prima ancora che questo concetto si diffondesse e voi mi chiamavate “scansafatiche, voia de laurà saltem adoss”, ecc.
    Ora chi mi criticava soffre di ansie, altri hanno dei figli “talmente bravi” che non riescono ad avere un lavoro per più di qualche mese e mai un soldo in tasca, altri sono stressati, altri appaiono normali solo perchè i loro famigliari non osano sputare il rospo in faccia (ma le confidenze che mi fanno…!), ecc

    E’ un mondo di apparenze che diventa ridicolo quando ,scavando, si scoprono enormi mancanze PROPRIO LA’ dove dolevano farci credere che fosse tutto perfetto.
    Diciamo che più che il callo, ora è l’esperienza ad aiutarmi.

    1. Già, condivido quanto dici. È molto difficile ascoltarsi e trovare un equilibrio al di là del contesto in cui viviamo, dei condizionamenti esterni e di quelli interni.

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...