Parola del giorno: “Competenza esistenziale”

keep_calm_and_live_your_life_2075_by_missveronici-d6o3o4xUna nozione che mi rimarrà per sempre in testa (forse l’unica) dell’esame che ho appena dato è quella di competenza esistenziale.

Esiste, è qualcosa a cui dovrebbe mirare qualsiasi percorso formativo, non solo quello linguistico come ci ricorda la cara e vecchia Europa.

Riuscite a immaginare un contesto formativo in cui una meta significativa è quella di sviluppare la competenza esistenziale? Io sì, la immagino, nei miei sogni.

Comprende, per essere più espliciti, gli atteggiamenti, l’etica, i valori morali, i tratti distintivi della personalità. Significa, in poche parole, saper esistere, sapere come stare al mondo, in questo mondo così complesso, saper gestire rapporti sociali nel migliore dei modi, saper accettare l’altro, saper costruire la propria identità nel rispetto dell’altro. Tutto l'”altro”.

Non ha nulla a che vedere con quello che va tanto di moda oggi, quei pseudo manuali su “come vivere una vita felice”, “come vivere nonostante il tuo capo”, “come sopravvivere in città” ecc. ecc.

È davvero un concetto per me nuovo (almeno sui libri) che mi ha spiazzato. Vi immaginate una lezione su “come si sta al mondo”? Non è vero che non ci sono persone in grado di poterci guidare alla scoperta dei principi guida su come vivere, bene e in armonia con se stessi, con le persone, con il mondo. Ne conosco più di uno e nessuno di loro insegna, ma avrei voluto averli come professori, soprattutto al liceo.

Oggi va così, dopo mesi di tortura è il primo giorno che non passo sui libri e nella mente mi rimbomba il rivoluzionario concetto di competenza esistenziale. Mi affascina, è qualcosa in cui credo ma a cui non avevo dato un peso teorico. Adoro le persone che sanno vivere in questo pazzo e strano mondo.

Adoro pensare di non smettere mai di imparare come si sta al mondo nel modo migliore.

*********************************************************************************************************************

Tratto da: www.pearsonclassroomlink.com

The third savoir, also known as savoir-être: is the existential competence. In other words it is in charge of the knowing of “how to be” in the L2. It implicates, obviously, attitudes, values, behavior, motivation, beliefs, ethics, ideology and philosophy, cognitive styles and personality traits. The learners demonstrate openness, interpreting critically their own cultural identities, and accepting the fact that other cultures may have different beliefs and values. At the high level of proficiency, students are able to empathize with other cultural identities, trying to imagine themselves in the position of other people and so to share their beliefs and values, reshape their opinions, and integrate new cultural perspectives. The learners are able to take the role of mediators in situations of tension, or cultural misunderstanding.

Advertisements

2 pensieri riguardo “Parola del giorno: “Competenza esistenziale”

  1. Nell’esatto momento in cui penso di aver imparato “a stare al mondo” ecco che mi devo ricredere.
    Sarebbe bello arrivare ad un capitolo finale di questo continuo rodaggio, per godersi i momenti in pace.

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...