Una domenica da sola con un plumcake

Sono quasi tre anni che non passo una domenica da sola. Di solito io e il mio compare organizziamo sempre qualcosa da fare insieme (di solito scorrazzare da qualche parte), ma oggi lui è con l’altro suo amore, la moto, e in questo periodo ho troppa paura/ansia delle strade per aggregarmi a loro. 

Così eccomi qui. Potrei studiare, andare a trovare i miei genitori o i miei nipoti, potrei fare un milione di cose… invece di stare qui a rimuginare sulla vita, la mia: la piega che ha preso il flusso dei pensieri non è proprio edificante

Trovano spazio i rimpianti, i sogni, le illusioni e faccio fatica a distinguere gli uni dagli altri. Sarà che nell’ultimo mese il tempo che passa ha messo alla prova me e la mia famiglia, sarà che l’insoddisfazione generale italiana riesce sempre a coprire i timidi sorrisi di ottimismo, sarà che il futuro immediato è sempre più nebuloso, sarà che la voglia di costruire qualcosa di buono porta sempre a concludere la giornata con un “domani andrà meglio”, ma di questo domani nemmeno l’ombra…

Non è la salita che mi preoccupa, è la mancanza di entusiasmo, di prospettive e di concretezza. Non sono nemmeno i 36 anni che ho a infastidirmi, perché mi sono serviti tutti a crescere, anche se preferirei di gran lunga averne 26. Ma non è l’età il problema. Il problema è che me ne voglio andare da qui

Non cerco una fuga, ma un modo per crescere ulteriormente in un contesto esistenziale che sia formativo e che mi avvolga. Non è detto che non capiti, ma per ora non ci sono nemmeno le premesse e quindi una tranquilla domenica in piacevole solitudine può trasformarsi in una gabbia di angosce varie

Farò un plumcake: fare qualcosa di “manuale” aiuta sempre in questi casi e aiuta ancora di più se si crea qualcosa di cioccolatoso. E voi che fate nelle domeniche malinconiche? 🙂

 

 

Advertisements

18 pensieri riguardo “Una domenica da sola con un plumcake

  1. Scrivo e cucino. Come te: dolci. I bake, come se non ci fosse un domani. Biscotti, ciambelle, torte, cheescake. E sto subito meglio… almeno per il tempo di cottura. Un bacio Biuzza!

  2. Io nelle giornate malinconiche spulcio i blog che più mi piacciono e che non mi fanno sentire l’unica avvolta da questo scialle di malinconia. Mi rispecchio in ogni tu parola… forse davvero bisognerebbe partire, giusto per risentire la terra sotto i piedi, per sentire che FORSE si può crescere ancora, evolversi. Ma io per ora non ce la faccio, troppo fifona e/o sentimentale, e passo il tempo a tenere le mani occupate… e vai di torte quadri ceramica pane pizza sciarpe, ma la mente mi frega sempre.
    Però tu stai studiando Bia (si può sapere cosa o è personale?) e io lo trovo un atto di coraggio e fantasia che sicuramente farà muovere qualcosa di buono attorno a te! un abbraccio

    1. Ciao Ilse, grazie del commento, mi piace davvero scambiare opinioni e pensieri su ciò che mi accade (visto che accade anche a molti altri!).
      Sto preparando solo un mieto esame inutile per insegnare italiano a stranieri, cosa che però mi consente di essere preparata per… fare volontariato (ovviamente non aspiro a un lavoro, scelgo sempre settori super saturi!).
      Invece ti invidio un sacco per le tue “manine d’oro”! Beataaaa! io sono troppo pigra 😀
      Quanto a l’estero, sì anche io sono stata fifona e lo sono tutt’ora, anche se ciò che mi frena ora è più che altro il fatto di essere in due (e il compare non può lasciare l’Italia al momento).
      A presto e un abbraccio 🙂

  3. Leggere post del genere fa sentire meno soli. Grazie! “La mancanza di entusiasmo, di prospettive, di concretezza”…ah come la capisco!
    Le domeniche di malinconia comunque sono un grande classico (almeno per me) soprattutto se per qualche ragione mi capita di passarle da sola… A volte ci sprofondo dentro, altre cerco di mandarle via con una passeggiata, un film o la musica. Per fortuna poi capitano anche quelle serene! 😉
    A presto, Ilaria

  4. E’ questa la chiave.Trovare sempre qualcosa da fare per tener impegniate a noi stesse e soprattutto la nostra mente.Altrimenti si cade nella fossa delle incertezze,delle preoccupazioni,nella più buia disperazione.Speraci e su,la vita é bella e la sua bellezza sta anche in una fetta di plumcake,eccome se ci sta,per noi golossi!

  5. Si. Sono certo sia terapeutico scrivere e poi, appena possibile, rileggere.
    Aiuta a definire i contorni del malessere (che generalmente non ha contorni) e stempera quel vuoto che, spesso, ci accompagna.
    Spero tu possa trovare la tua strada prendendo, afferrando la vita dai capelli.
    Gravity – john mayer

  6. Quanto vorrei poter avere anch’io le mani in pasta! Per me preparare dolci è il rimedio migliore alle domeniche di malinconia. Peccato però che debba invece preparare tre esami piuttosto tosti per la prossima settimana… Sentirsi assolutamente non pronta per affrontarli rende questa domenica ancora più deprimente.
    Intanto salvo la ricetta del plumcake… Così se dovessi fallire agli esami saprò come consolarmi 🙂

    1. Brava Emily! Però spero che gli esami vadano bene, così poi preparerai qualche leccornia con più leggerezza 😀
      (quanto è odioso studiare in agosto?? a 10 anni dalla laurea sto preparando un esame e non gliela posso fare!!).
      In bocca al lupooooo!

      1. Odiosissimo, infatti ho sempre cercato di evitare la sessione di settembre, ma a volte non c’è scampo!
        Crepi il lupo… E in bocca al lupo anche a te 🙂

  7. La malinconia, di domenica ha un altro colore: molto grigio, scuro. La tengo dentro e poi alla fine scrivo quelle cose che non pubblico; sono dialoghi con me stesso, riflessioni, note e (forse) ricordi. Una “tisana” di musica, alla fine ristabilisce l’equilibrio e riprendo a studiare. Rimane il fatto che continuo a rimanere solo ma accanto ad un me stesso, all’apparenza, più sereno.
    PS ottima scelta quella dei Velvet Underground
    Renato

    1. Grazie Renato! Anche io ero in dubbio se pubblicare o meno il post, visto il grigiume che c’è tra le righe… ma è terapeutico anche condividere e leggere i commenti come i tuoi 🙂

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...