Reiventarsi: si può, si deve

Two_silhouette_profile_or_a_white_vaseDopo e i durante i miei scleri quotidiani relativi al mio lavoro precario di giornalista e redattrice libri, credo di avere toccato il fondo. Come si capisce che stai toccando il fondo? Be’, lo si intuisce, se si è fortunati, dal fatto che la mattina diventa un peso alzarsi, dal fatto che ci irrita tutto quello che sentiamo riguardo il mondo del lavoro (qualsiasi lavoro), dal pessimismo cosmico che sporca qualsiasi iniziativa. SI vede bene nel mio spazietto di Editoria precaria, se a qualcuno interessa.

Sono lenta, ci ho messi mesi, ma alla fine ho deciso di non stare ferma al bivio e di uccidere la favola in cui mi vedevo come una “redattrice felice”. L’ho semplicemente lasciata andare. È stata un’agonia, inconsapevole per lo più, ma ce l’ho fatta.

Non dico che non lavorerò più per l’editoria, anzi, è probabile che lo continuerò a fare, visto che è tutt’ora l’unico mestiere che so fare. Ma sicuramente avrò un’altra prospettiva.

sad_as_the_night_sky_by_angelwolves1-d565a27Ho iniziato un corso, uno qualsiasi, non importa molto quale (e non lo dico per scaramanzia), mi sono buttata, mi sono un po’ “violentata”, abbattendo il muro di pessimismo, e l’ho iniziato. Non ho aspettative elevate di lavoro, anzi, è probabile che con il certificato in mano andrò a fare la volontaria, ma sono uscita dall’incubo. E la prospettiva di essere una volontaria povera è più felice di quella di essere una redattrice povera (e incazzata).

Quasi in automatico, a mano a mano che imparavo e ascoltavo nozioni nuove e interessanti, tanto che non me lo aspettavo per niente, mi è tornato il sorriso verso il mondo. Verso me stessa soprattutto.

Che liberazione! È una piccola grande rivoluzione interiore: ricominciare a respirare, mettendosi in gioco, ricominciando a giocare con la vita, alla scoperta del nuovo e di me stessa nel nuovo. È bello. Dona energia, la stessa che è necessaria per superare i veri ostacoli della vita, quotidiani o meno. E che sono i più importanti: vogliamo parlare della salute, nostra e dei nostri cari?

4729380872_b154cb9001_oEcco perché le fandonie sull’importanza del reinventarsi al giorno d’oggi mi fanno ridere, se non partono da dentro. È inutile dire che bisogna reinventarsi per lavoro, per avere più opportunità, per darsi chance in più. Certo, queste sono una conseguenza felice, ma la cosa più importante è mettersi in gioco nello spirito, lasciare andare le zavorre e le ancore che ci tengono imprigionati nei nostri stessi sogni. Bisogna azzardare, perché in questo “gioco” non si perde mai. 

Non solo è una possibilità che la vita ci dà, sempre, a tutti i livelli, è quasi un dovere morale verso noi stessi. Impiegate tristi, muratori stressati, ricercatori infelici, medici frustrati, redattori stressati: tutti abbiamo possibilità di arricchirci. A qualsiasi età. Non servono soldi, non necessariamente almeno: bisogna scegliere qualcosa (corso, volontariato, master ecc.) rimanendo con i piedi per terra, secondo le nostre possibilità, in scienza e coscienza. E poi bisogna solo buttarsi, lanciarsi nel vuoto, vincendo le paure e le resistenze.

Non ho nessuna certezza che questo corso mi porterà verso la meta che pensavo all’inizio, quando ho cominciato. Ma di sicuro mi porterà da qualche parte, un milione di volte migliore di dove stavo prima 🙂

 

Advertisements

10 pensieri riguardo “Reiventarsi: si può, si deve

  1. eh mia cara, l’ho sempre detto che un cambio di prospettiva, purchè non imposto ma genuinamente proveniente “da dentro” può fare miracoli. è come prendere una boccata d’aria all’aperto dopo giorni di reclusione 😀

  2. Leggerti mi ha messo più carica di bere il primo caffè del mattino… sto facendo il tuo stesso percorso per altre motivazioni ed a volte mi scoraggio a causa del lungo percorso… oggi sei lo zucchero della mia giornata. Grazie 🙂

    1. Il tuo commento mi ha fatto lo stesso effetto! 🙂
      Grazie a te, sono felice che questo post ha fatto centro, in bocca al lupo per il tuo percorso, ed è già ottimo che tu abbia un percorso, AVANTI TUTTA! Buona giornata e grazie ancora!

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...