Vivere con un gatto albino, bianco e sordo

Schermata 2014-07-03 alle 10.17.58In verità la mia esperienza è con una gatta, bianca e sorda, “la malefica”, che ho da circa 6 anni. Non era un batuffolo innocente di pelo bianco, quando la portai a casa, ma una gatta di 4 anni, già ben strutturata caratterialmente e bastardella. Abbandonata dagli ex padroni in un giardino (per fortuna non in strada), è ora diventata la mia compagna, la mia bambina, la mia “croce e delizia”.

Ho sempre vissuto con i gatti quando stavo dai miei, ma non avevo mai condiviso un appartamento senza giardino con nessuno di loro. Ci sono stati periodi che abbiamo ospitato ben 9 gatti, ma nessuno era sordo.

Due grandi differenze che bisogna tenere a mente quando si ha a che fare con i gatti albini come la mia (occhi azzurri, pelo bianchissimo). Al di là delle smancerie che ogni “mamma gattara” pensa del proprio animale peloso, ci sono alcune cose da tenere a mente.

1. Quando il gatto è sordo non significa solo che non vi risponderà quando lo chiamerete o agiterete la ciotola dei croccantini o farete tutte le moine gnè gnè per lui. Significa soprattutto che quando cadono gli oggetti, quando li fa cadere lei-la-malefica per esempio, non si accorgerà del danno, non si spaventerà, non cercherà di non rifarlo. Se accorrete subito capirà una cosa sola: “Bene! Se faccio cadere qualcosa il padroncino accorre subito!”. Inutile dire che la malefica mi ha rotto qualsiasi cosa potesse rompere, compresa una libreria che ha fatto cadere da 3 metri di altezza. Dolce… 😀

2. Hanno un estremo bisogno di contatto fisico. Sono coccole con le gambe, cercheranno sempre di starvi addosso, ovunque voi siate: poltrona, divano, tavolo da pranzo, letto e… bagno. E non si staccano più. Per loro l’idea del gatto indipendente è come l’idea di sobrietà per Rihanna.

3. Il pelo che vi lasceranno in casa è pari a quello di un gregge di pecore irlandese, dopo la tosatura. Batuffoli di pelo ovunque, rigorosamente bianco, che si infilano come aghi su qualsiasi tessuto. Soprattutto su cappotti, divano, felpe, calze, jeans, lenzuola, camicie, maglioni. Sì, ovunque.

4. Non potete sgridarli, non sentono il tono della vostra voce. Ci potete provare, mimando una faccia da “bruto” e, per quanto riguarda la malefica, a volte recepisce e si allontana, altre si avvicina e si struscia. Così, a seconda di come le pare.

5. I gatti sordi non miagolano, urlano. Se hanno bisogno di qualcosa, si esprimono come un drago, poveri cuccioli: impossibile ignorarli, soprattutto di notte!

6. Non sanno bene che cosa sia la grazia felina. Per quanto siano gatti a tutti gli effetti, sono sempre un po’ goffi.

Questo ovviamente in base alla mia piccola grande esperienza con la malefica, che proprio stanotte ha dato fuori di matto, non so perché, e mi ha svegliato all’una, così, perché aveva visto uno dei suoi fantasmi. Ammetto che mi è stato detto che la mia ha qualche problemino cognitivo, se così vogliamo chiamarlo, ma non avevo dubbi. Basta guardarla mentre si tuffa, letteralmente, si tuffa nella ciotola dell’acqua ogni santo giorno e la fa rovesciare immancabilmente. Perché? Lo sa solo lei.

C’è chi dice che i gatti albini e sordi abbiano qualcosa in meno, ma sono certa che invece hanno qualcosa in più. Che però bisogna saper gestire, non prendere alla leggera solo perché sono “belli”. Certo, lo sono, ma hanno bisogno di cure e attenzioni che normalmente non si prendono in considerazione.

Creature così dolci non ne ho mai conosciute… Miao a tutti! Anzi, MMMIIIHHHHEEEEEEAAAAOOOOOOOOOO!!

Advertisements

27 pensieri riguardo “Vivere con un gatto albino, bianco e sordo

  1. Quanto sono contenta di aver letto questo atricolo :grazie :)la nostra famiglia convive amabilmente con una micia tra laltro a pelo lungo completamente sorda e io me ne sono accorta quasi subito ….e’una gran fatica ma non la cambierei per nessun motivo al mondo perché lei è unica e da un amore incommensurabile :)e poi comanda a bachetta gli altri 3 gatti hahaha

  2. anche io ho un gatto bianco e sordo: Timpano, 13 anni (quasi 14), 8 kg, appiccicoso e urlante, ululante meglio. Straordinario però. un’accortezza è quella di mettere loro della crema solare su naso e orecchie quando d’estate escono e stanno al sole. infatti sono così delicati che rischiano un cancro della pelle. Come Malefica anche lui usa letteralmente gli umani come cuscini e non teme nessuno. rilassato e perennemente molle, si fa capire benissimo e parla con me seguendo il labiale. risponde anche ai gesti. I gatti sordi sono esserei meravilgliosi. un abbraccio

    1. Che bello Carla! Grazie mille della tua testimonianza, mi sembra già di conoscere Timpano (nome splendido 😉 ). Sono meravigliosi… concordo. Un abbraccio a te e un bacino all’ululante 🙂

  3. Ciao! Ho trovato il tuo blog cercando l’inci di uno shampoo (anche io sono per l’eco-bio) e poi ho trovato questo post. Io sono una grande amante dei gatti, ne ho tre, uno nero, uno tigrato grigio (fratelli) e poi Neve, che è bianca ma non sorda, nemmeno albina, credo. Quello che mi ha colpito è che hai scritto che ha tanto bisogno di starti sempre addosso. Anche Neve fa così!!! È appiccicosissima con me (non col mio ragazzo, ha un debole per me) mi sa sempre addosso. Che sia una caratteristic dei gatti bianchi? Anche lei era abbandonata, poverina, l’avevano abbandonata incinta, ha partorito nella pensione in cui porto i miei gatti quando andiamo in vacanza, ci siamo guardate e ci siamo innamorate, così l’ho portata a casa con me. Però è vero… ho peli bianchi OVUNQUE. Fa niente, io apprezzo chi va in giro con peli di gatto appiccicati, ahahahah!

    1. Ciao Lory! Grazie mille del tuo messaggio,mi fa tanto piacere leggerti,compagna di gatte bianche 🙂 a differenza della tua,la mia si appiccica a chiunque respiri,ma per me ha un debole…sarà che sa come prendermi 😀 spero ripasserai di qui, grazie ancora!

  4. Ammiro che ti prenda cura di una gatta così malefica ma dolcissima !
    Potrebbero combinare qualsiasi danno ma riuscirebbero sempre a farsi perdonare 😀 😀
    Comunque sono una tua nuova lettrice 😀

  5. Il mio compagno dice che alla nostra stronzetta pelosa concedo tutto e non la sgrido mai mentre appena lui sgarra sono guai… questi adorabili piccoli bastardi ci abbindolano come vogliono…. ❤

      1. ma come fai ad incazzarti con loro.. io stessa alla bigia avrò “fatto la polvere sul sedere” non più di 3 volte (e per cose gravi). facendomi piu male io a trattenermi e sentirmi in colpa dopo che a lei……ahahah

  6. E’ stupenda, nonché tenerissima…e si vede che le vuoi davvero bene :)) Io ho 5 gatti, due neri (mamma e figlio) e tre cuccioli tigrati grigi, nati a marzo di quest’anno, due dei quali non hanno ancora nome sigh! Comunque, bel post…mi ha regalato momento di dolcezza felina in questa giornata ( che non guasta mai )!

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...