Parola del giorno: “Invidia”

invidia«Io non invidio nessuno, non sono una persona invidiosa». Lo dicono in molti e, di contro, io li ho sempre invidiati per questo. Perché ti fanno sentire un po’ una personcina piccola e cattiva, a te che magari invidi ciò che altre persone hanno o raggiungono.

Salvo poi capire, ma non ci vuole molto, che non esiste solo l’accezione negativa dell’invidia. C’è anche quella positiva, ossia quella che non ha pensieri malvagi nei confronti di chi è oggetto di invidia, ma solo ammirazione. Ed è quella che provo ogni volta che conosco qualcuno che ha un piede là dove vorrei averlo io. Che male c’è?

No perché se non si invidia niente e nessuno mi viene da pensare che forse non c’è nessuna aspirazione dentro quella testolina. Nessun desiderio. Nessuno slancio vitale. Più o meno quello che sento io nei confronti di molte cose che invece altri invidiano. Ma per altre…

 

E ora ammetto e non nego che invidio le capacità di…
• chi è riuscito a fare scelte intelligenti nel passato e non ha incontrato ostacoli insormontabili sul suo cammino;
• chi ha tanta voglia di fare e determinazione che un Caterpillar in confronto a loro è un Playmobil;
• chi riesce a essere ottimista anche quando le cose, tutte, vanno male;
• chi esce a fare shopping una volta alla settimana (o anche una al mese), è terapeutico 🙂 ;
• chi ha saputo cogliere le occasioni al momento giusto senza farsi paranoie;
• chi ha l’opportunità di essere felice semplicemente perché c’è terreno fertile intorno a lui;
• chi ha coraggio e idee chiare (tutte in una sola testa… fantastico!);
• chi ha la libertà di scegliere (lavoro, luoghi, persone, vita);
• chi è gratificato da quello che fa.

E sì, ho anche io le mie buone cose per cui potrei essere invidiata e non me ne dimentico. Ma per altre aspiro sempre a qualcosa di più. È la mia debolezza ma spesso è stata anche la mia forza.

Concludo con una citazione “aulica” da Grey’s Anatomy (rido da sola), una frase che mi rispecchia a pennello. Nel bene e nel male, tant’è.

«Vorrei dire una cosa a proposito del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno, e del sapere quando dire basta. La linea che divide il vuoto dal pieno è un barometro dei nostri bisogni e dei nostri desideri. Decidiamo noi dov’è quella linea. Tutto dipende anche da cosa ci stanno versando. A volte ne vogliamo soltanto un sorso, altre volte non è mai abbastanza, il bicchiere è senza fondo… e vogliamo averne di più».

*****************************************************************************

Da dizionario Sapere on line

INVIDIA: n.f. [pl. -e1 sentimento di cruccio astioso per la felicità, la fortuna, il benessere altrui […]| ( teol.) uno dei sette vizi capitali, consistente nel dolore per il bene altrui, considerato come una lesione o una diminuzione del bene proprio dim. invidiettainvidiuccia 2 desiderio di avere ciò che altri hanno, non accompagnato però da malanimo; ammirazione, emulazione: ha una salute da fare invidia | la persona o la cosa che suscita tale sentimento: ha una casa che è l’invidia di tutti 
Dal lat. invidia(m), deriv. di invidus ‘invido’.
Sin. gelosia, livore, astio, malevolenza 2 Sin. ammirazione, apprezzamento, considerazione, rispetto (p.e.: ha un’intelligenza che fa invidia).
Contr. compiacimento, altruismo

Advertisements

10 pensieri riguardo “Parola del giorno: “Invidia”

  1. Io ci ho messo anni a trasformare la mia invidia in una spinta positiva. Inizialmente era solo astio per chi aveva/faceva/poteva, poi ci ho ragionato su, mi sono chiarita con me stessa, e dopo l’ennesimo bilancio l’ho trasformata in intraprendenza. Resta sempre in agguato una vena acidella, intendiamoci, ma ci sto ancora lavorando su. 🙂

    1. Ah! La vena acidella ogni tanto salta fuori anche a me, secondo il periodo, ma ci sta… poi passa. Anche perché a volte vedi di quelle cose che con tutta l’intraprendenza del mondo non si potranno mai raggiungere…(‘naggia)

  2. concordo, anche io sono una che invidia (anche se sono pure una che sa gioire delle piccole cose ed è contenta di quel che ha.. quel poco, quel pochissimo…)
    però pensavo che la frase del giorno sarebbe stata “che palle questa pioggia”.. ma forse è perché invidio chi vive al mare, …?

    1. Anche io li invidio tantissimo quellillà che stanno al mare 😀
      (volevo contrastare questo grigio con un post e questo è quello più solare che mi è venuto, sto messa bene eh! 😉 )

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...