«Giulia 1300 e altri miracoli»

giulia1300-192x300
La copertina del libro scritto da Fabio Bartolomei, pubblicitario di Roma, al suo primo romanzo. Complimenti!

È un libro che mi ha consigliato mia madre: leggero, tipico esempio di evasione estiva, ma che regala piacevoli sorprese, lontano, anzi, lontanissimo quindi dagli stereotipi Harmony.

È la storia di un’avventura di quattro ragazzotti (perché a 40 anni come ci si deve definire? Forse uomini, ma non è il loro caso) che riescono a staccarsi, a fatica e in modo rocambolesco, dalla loro quotidianità fatta di lavoro, amicizie calcificate (male), fallimenti amorosi.

Il loro scopo apparente è aprire un agriturismo e farlo funzionare, evitando il fallimento. Probabilmente però il vero scopo di questa iniziativa, che sorge casualmente o “disperatamente”, è un altro ed emergerà, per ognuno di loro, in corso d’opera.

Ma non è certo uno di quei manuali da “come uscire dagli schemi moderni”, anzi! È un vero e proprio romanzo ricco di colpi di scena, perché non mancano amori, omicidi, sparatorie, rapimenti e una spessa ironia che pervade ogni pagina del libro fin dall’inizio.

È uno spaccato dell’Italia e degli italiani e tutti ci possiamo riconoscere o possiamo riconoscere i nostri compagni in qualcuno di questi ragazzotti. Perché pur nelle loro caratteristiche peculiari sono tutti personaggi di strada, comuni, in un certo senso frustrati inconsapevoli.

Questa è la storia delle mille vicende che hanno portato ognuno di loro, separatamente eppure insieme allo stesso tempo, alla consapevolezza di se stesso, lontano da ciò che erano soliti “raccontarsi” per risultare vincenti, lontano dalle giustificcazioni che per una vita hanno dato al piattume della loro vita.

È la riscoperta dell’umanità che giace a volte sopita in ogni essere umano, la riscoperta di valori che spesso vengono assorbiti da pubblicità televisive, film e stereotipi, la riscoperta della vita nel senso letterale, contro le bassezze di un tipo di società che cerca di forgiare un “consumatore doc” invece che un “uomo doc” o una “donna doc”.

In poche parole: molto divertente, solo in apparenza leggero, scorrevole e adatto a tutti, in particolare a tutti i “ragazzotti”.

Advertisements

2 pensieri riguardo “«Giulia 1300 e altri miracoli»

E tu che ne pensi? :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...